Seleziona una pagina

esquivel

di Sergio Di Cori Modigliani

Arriva a Roma, Alfonso Pèrez Esquivel.

Ed è una ghiotta occasione che l’Università la Sapienza di Roma, grazie agli auspici e al lavoro del prof. Livio de Santoli, regala a chiunque voglia partecipare per ascoltare la lectio magistralis che terrà lunedì mattina 6 giugno alle ore 10.

Poco noto in Italia, Esquivel è una colonna del movimento pacifista internazionale, insignito del Premio Nobel nel 1980 per la sua lotta contro ogni forma di dittatura e in difesa dei diritti civili. Nato a Buenos Aires nel 1930 aveva iniziato la sua attività lavorativa come architetto, ma in seguito alla situazione creatasi in Sudamerica, nel 1974 abbandona l’insegnamento e insieme a un gruppo di cristiani radicali argentini, brasiliani e cileni, in rotta con l’establishment vaticanense che invece appoggiava le dittature, fondano insieme la “Unidad de Paz y Justicia en Cristo” una organizzazione che si dedicava di assistenza ai poveri e lotta contro le ingiustizie politiche e sociali nel nome di Gesù, e quindi non perseguibili dalla polizia con la scusa del comunismo. Verrà arrestato prima dalla polizia brasiliana, poi, dopo un’avventurosa fuga in Ecuador, arrestato a Quito, impacchettato e rispedito a Buneos Aires dove verrà torturato e imprigionato in un carcere sotterraneo per 15 mesi senza alcun processo. Proprio mentre si trova segregato, l’arcivescovado di Buenos Aires riceve (nel 1979) la più alta onorificenza del Vaticano, “il Memorial della Pace di Giovanni XXIII” grazie all’intenso lavoro diplomatico di Karol Woytila. In seguito a questo evento viene scarcerato e di lì a sei mesi riceverà il premio Nobel per la pace.

Lunedì 6 giugno verrà a parlare da noi sull’ambiente, sul clima, sulla situazione internazionale.

Ecco, qui di seguito il comunicato stampa ufficiale dell’università romana.

 

 

 

Lectio magistralis Premio Nobel per la Pace
Adolfo Pérez Esquivel
Difendere questo piccolo pianeta chiamato Terra Diritti Umani e salvaguardia dell’Ambiente
Lunedì 6 giugno 2016 – ore 10.00
Aula 1 Facoltà di Lettere e Filosofia
Sapienza Università di Roma
Piazzale Aldo Moro 5
Lunedì 6 giugno 2016 alle ore 10.00 presso l’Aula 1 della Facoltà di Lettere e Filosofia all’interno della città universitaria, il Premio Nobel per la Pace, Adolfo Pérez Esquivel, incontrerà gli studenti della Sapienza. Impegnato nella difesa dei Diritti Umani e nella lotta contro le dittature militari e le violenze perpetrate contro i popoli del Latino America e di altri Paesi del mondo, nel 1980 viene insignito del Premio Nobel per la Pace. Al termine degli indirizzi di saluto del Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia Prof. Stefano Asperti e del Magnifico Rettore Prof. Eugenio Gaudio, il Prof. Livio De Santoli, Delegato all’edilizia ed alle politiche energetiche, introdurrà la Lectio Magistralis di Adolfo Pérez Esquivel. Il Premio Nobel proporrà un’analisi integrale delle cause e degli effetti che stanno provocando la distruzione di questo piccolo pianeta chiamato Terra. Proteggere il pianeta significa ristabilire l’equilibrio tra i bisogni dell’umanità e le risorse naturali sempre più minacciate dalla voracità delle imprese multinazionali, dal consumismo e dagli interessi politici, economici e militari. Conclude i lavori il Prof. Giovanni Solimine, Direttore del Dipartimento di Scienze documentarie, linguistico-filologiche e geografiche. L’evento si svolge in collaborazione con la Fondazione Roma Sapienza. Per partecipare alla cerimonia occorre compilare il form al seguente link: https://cerimoniale.uniroma1.it/Lectiomagistralis entro le ore 12.00 di mercoledì 1 giugno p.v.
per informazioni:
Cerimoniale
cerimoniale@uniroma1.it
Fondazione Roma Sapienza
fondazionesapienza@uniroma1.it